Red carpet OSCAR 2021: il bello, il brutto e il dimenticabile, da Chanel a Valentino

#8 VANESSA KIRBY in Gucci

Niente piume, cristalli, pizzi, trasparenze o volumi barocchi. Ecco cosa resta di Gucci senza il DNA di Alessandro Michele: niente.
Vanessa Kirby era nominata come miglior attrice per “Pieces of a woman” e quest’abito non avrebbe reso giustizia ad una sua possibile vittoria. Peccato.

#9 MARGOT ROBBIE in Chanel couture

Quando scade il contratto di Margot come testimonial Chanel? La stylist Kate Young è stata assunta con contratto a tempo determinato, vero? VERO?
Sono sicura che di persona e da vicino quest’abito presenti dei dettagli incredibili, ma era davvero il meglio che l’atelier Chanel potesse offrire per farci pubblicità agli Oscar?
L’hairstyle è un altro flop che preferisco non commentare: chiedereste mai al vostro parrucchiere un’acconciatura simile PAGANDOLA pure?

#10 HALLE BERRY in Dolce & Gabbana

Il requisito principale per entrare nella black list del HFT (=High Fashion Twitter) è indossare brand problematici. Il secondo è quello di abbinare ai capi del suddetto brand degli styling improbabili.
Ok, la faccio semplice: Halle Berry si è scavata la fossa da sola: un disastro dalla testa (letteralmente) ai piedi, in una nuvola lilla by Dolce & Gabbana.
Si poteva fare peggio? Si, c’è sempre il debutto di Fausto Puglisi per Roberto Cavalli.


Affamati di fashion?
Seguite le nostre stories su Instagram!

Stella

Editor-in-Chief

Credo tutto sia iniziato con la mia passione per la scrittura e la curiosità verso il mondo della moda. SUGAREAL è il risultato dell’incontro di queste due passioni (nonché una sorta di figlio per me). Quando non parlo di moda o delle (dis)avventure dell’essere mamma, mi perdo nella musica e nelle serie tv.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.