DA KAMALA HARRIS A LADY GAGA: ecco le donne che raccontano la moda oltre l’apparenza.

Scelte sartoriali non banali anche per le 3 ospiti musicali invitate ad esibirsi per la cerimonia d’insediamento: Lady Gaga, Jennifer Lopez e Katy Perry.

Lady Gaga ha portato in scena la teatralità di Daniel Roseberry per Schiaparelli, con un abito voluminoso che celebra i colori della bandiera americana e rievoca un messaggio di pace con la vistosa colomba dorata posta sul davanti dell’abito, in corrispondenza del cuore.

Jennifer Lopez rende omaggio alle suffragette in un coordinato bianco firmato Chanel: non si tratta di un look custom made, ma di un mix di capi provenienti dalle ultime collezioni autunno di Chanel (il pantalone e la camicia dalla collezione autunno 2019, mentre il cappotto dalla collezione 2020), tutti ricchi di dettagli preziosi. Una scelta elegante e molto sobria per il suo personaggio.

Katy Perry ha sfoggiato invece un abito custom made di Thom Browne, liberamente ispirato al look di Jackie Kennedy alla cerimonia d’inaugurazione del 1962. Il tributo è sacro, ma il risultato finale ci lascia perplessi soprattutto sul corsetto, che avrebbe avuto maggior impatto fondendosi nella gonna.

****

Kamala, Jill, Michelle, Amanda, Lady Gaga, JLo e Katy : tutte donne molto diverse fra loro, ma ciascuna di loro è riuscita dimostrare che la moda ha un potere che va ben oltre l’apparenza. Quando guardiamo alla moda come veicolo di comunicazione e impossibile non notare come le nostre scelte di abbigliamento sappiano dire molto più di noi di quanto non immaginiamo. Immaginiate quindi il potere della moda, quando si affianca a contesti determinanti come la politica o la religione : forse la moda ha davvero il compito di narrare la storia dell’umanità, non siete d’accordo?

Stella

Editor-in-Chief

Credo tutto sia iniziato con la mia passione per la scrittura e la curiosità verso il mondo della moda. SUGAREAL è il risultato dell’incontro di queste due passioni (nonché una sorta di figlio per me). Quando non parlo di moda o delle (dis)avventure dell’essere mamma, mi perdo nella musica e nelle serie tv.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.