SIMONE TESSADORI & LA SUA “DAUPHINE”

C’è colore, leggerezza e romanticismo nell’ultima collezione del fashion designer bresciano : Dauphine, questo il nome dato alla collezione, è una raffinata rappresentazione (più o meno consapevole) della primavera, dove i cliché lasciano spazio a forme sinuose ed eleganti.

Simone Tessadori trova l’ispirazione in un contesto quasi onirico, fatto di associazioni di immagini, valori e sensazioni, a riprova del fatto che non ci sono limiti alle suggestioni per un vero creativo.

Ecco quindi che con la ricca tavolozza di colori, Simone Tessadori vuole rievocare le paradisiache atmosfere indonesiane, in particolar modo Bali. La nota spensierata e gioiosa di ogni capo invece è un’espressione della vitalità di questi luoghi, dove la spiritualità non è castigo ma armonia e pace. In questi dettagli si nasconde il messaggio dell’intera collezione: il designer vuole trasmettere la consapevolezza che ogni giorno sia un dono, che come tale non va sprecato.

“il designer vuole trasmettere la consapevolezza che ogni giorno sia un dono, che come tale non va sprecato”.

Più esplicito è invece il tema del cerchio che ritroviamo essere la base di sviluppo di ogni capo, dai colli scultura, ai dettagli delle maniche nonché le strutture stesse delle gonne. Il cerchio è un richiamo al percorso che seguono le nostre esperienze, che prima o poi trovano un’armonia in sé stesse oppure attraverso l’incontro con gli altri.

Il nome della collezione, Dauphine, è invece un complimento velato alle proprie clienti e fan, che il designer nella sua immaginazione dipinge sempre come eleganti nobildonne.
Eleganti si, ma non antiquate: la collezione conserva un gusto moderno nelle linee pulite e nell’ampia offerta di look composti da più pezzi indipendenti fra loro.

Ampia è anche la selezione i tessuti, sempre di composizione naturale e manifattura italiana: sete microoperate, tulle ricamati, shantung e cotoni arricchiti dalla rafia per un effetto madreperla.

Simone Tessadori da bravo genitore ama ogni singolo capo allo stesso modo, ma noi ci permettiamo di nominare alcuni dei pezzi che ci hanno colpito maggiormente:

GIACCA ORCHIDEA & PANTAPALAZZO ERICA

Sapete della nostra passione per i tailleur di carattere ( vi ricordate il nostro special? ) e questa combo in jersey plissé con micropaillettes applicate merita tutta la nostra attenzione. C’è il colore, non scontato e versatile su diverse carnagioni, il taglio sensuale della giacca da smoking, bella da sola oppure abbinata al pantalone palazzo coordinato (ottimo per slanciare la figura).

BLUSA SILENE & GONNA BEGONIA

Questa combinazione promette fuochi d’artificio. La blusa Silene è secondo noi uno dei must have di questa collezione:  perfetta dal mattino fino a sera, in occasioni galanti o più comuni; è composta da un collo in mussola di seta e illuminata da una balza di paillettes rifinita interamente a mano.
“Dà il meglio di se abbinata con la gonna Begonia.” : una pencil-skirt color aragosta che nasconde uno spacco vertiginoso sul retro; si è decisamente un’ottima idea.

TUTA MAGNOLIA

Una tuta dal taglio vagamente retrò che non potrebbe essere più attuale. Schiena scoperta, allaccio al collo e una tessuto a trama floreale nel colore più caro allo stilista, il rosa: questa tuta a tutte le carte in regola per diventare il perfetto passepartout estivo.

Tutti i capi sono disponibili sul sito :  simonetessadori.com

La collezione merita ammirazione, tanto quanto il gesto di solidarietà che Simone Tessadori sta portando avanti in questi giorni: infatti il designer bresciano ha scelto di dedicare il proprio laboratorio alla confezione di dispositivi di protezione, come camici e mascherine, a sostegno del personale sanitario locale nella lotta all’emergenza coronavirus Covid-19.

Grazie Simone

Stella

Editor-in-Chief

Well, I guess that everything starts with me and my love for writing and fashion. Creating this project has not been easy, but I am really proud of my little creature; watching how it is developing is quite entertaining and I believe I am not going to stop any sooner.

 

Real Fashion, No Sugar

FOLLOW US ON