And that’s why beauty masks are the new yoga

Cos’hanno in comune della psudo-colla vinilica nera, del fango che puzza di zolfo e una banana spappolata?
OVVIO, sono tutte maschere di bellezza!

“Maschera di bellezza” è un termine che racchiude prodotti cosmetici decisamente eterogenei:

Cos’hanno in comune fra di loro? Perché chiamiamo tutti questi prodotti MASCHERA?

What have in common some black pseudo-vinyl-glue, some sulphur stinking mud and a smashed banana?
OBVIOUS, they are all beauty masks!

“Beauty mask” is a term that refers to a variety of heterogeneous cosmetic products:

What have they in common? Why do we call them all MASKS?

naomi campbell Steven Meisel, from Vogue Italia, October 1990

Un’approssimazione potrebbe essere: le maschere sono prodotti cosmetici da risciacquo con una funzione ben definita e con alto contenuto di attivi.
È questa la chiave: il risciacquo! Il fatto che il prodotto non resti sulla pelle ma venga tolto dopo un certo periodo di tempo – di solito breve! – permette al formulatore di “osare” con ingredienti che altrimenti non si sognerebbe mai di usare perché molto colorati (carbone attivo, argille), puzzolenti (acque o sali termali) o pericolosi (acidi per esfoliazione chimica). Sempre grazie alla loro “breve vita”, le maschere – soprattutto quelle casalinghe – possono contenere ingredienti molto efficaci ma facilmente deperibili come infusi, decotti, erbe, frutta e verdura fresca.

Tutte le maschere, per quanto diverse l’una dall’altra, devono contenere un ingrediente fondamentale e sempre identico per funzionare davvero… quale, ti starai chiedendo.
SEMPLICE: il RELAX.

An approximation could be this: masks are rinse-off cosmetic products with a specific function and a high content of active ingredients.
This is the key: the rinsing! The fact that the product does not stay on your skin but is washed away after a certain period of time – usually a brief period! – allows the formulator to “dare” with ingredients that otherwise he would never dream to use because coloured (active coal, clays), stinky (thermal water or salts) or dangerous (acids for chemical exfoliation). Always thanks to their “short life”, masks – especially the home made ones – can contain ingredients that are really effective but quickly perishable like infuses, decoctions, fresh herbs, fruits and vegetables.

All masks, although different one from another, must contain a fundamental and always identical ingredient to work properly… what, you are wondering.
EASY: RELAX.

“Tutte le maschere devono contenere il relax? Luca ma… ti droghi?”

Abbiamo già parlato in passato della mia dipendenza da Nutella, non è questo il punto.
Il punto è questo: non siamo più capaci a staccare la spina.
Un’amica massaggiatrice mi ha raccontato questo: la maggior parte delle sue clienti, anziché godersi il momento, tengono il telefono acceso e fanno qualunque cosa: rispondono ad e-mail di lavoro, messaggiano con la baby sitter per controllare come stanno i bambini, vivisezionano il profilo facebook dell’uscente di turno… perché? Santo cielo, PERCHE’?!? Ragazze, lo so che siete multitasking ma giuro, GIURO che lavorare e riposare insieme è impossibile persino per voi!

“All masks must contain relax? Luca… are you stoned or something?”

We have already spoken about my addiction to Nutella, this is not the point.
The point is: we are not able to pull the plug anymore.
A friend of mine, which is a masseuse, told me this: most of her clients, instead of enjoying the moment, keep their phones on and do ANYTHING: answer work e-mails, send messages to the baby sitter to check if the kids are ok, dissect the Facebook profile of their crush… why? For goodness sake, WHY?!? Girls, I know you are multitasking but I swear, I SWEAR that working and resting at the same time is impossible even for you!

Negli scorsi mesi ti ho stracciato le palle con paroloni tipo [per favore non scappate urlando!]
-“il ruolo dell’acido ascorbico nel metabolismo epidermico”
“il photoaging”
“la normalizzazione del pH cutaneo dopo la detersione”
Per questo giro, la biochimica la lasciamo perdere: diventiamo zen.

La maschera viso non è altro che un esercizio di meditazione.

In the last months I pissed you off with mumbo-jumbo like [please do not run away screaming!]:
“the role of ascorbic acid in epidermal metabolism”;
“photoaging”;
“the normalization of cutaneous pH after detersion”
For this one ride, we’ll leave biochemistry alone: we’ll become zen.

A face beauty mask is nothing but a meditation exercise.

Prendi una maschera viso qualsiasi.
Davvero, una qualunque, stavolta non mi interessa: va benissimo anche quella del discount.
Non ne hai una in casa? Fa niente! Frulla mezza banana con due cucchiai di yogurt greco e usa quello.
Applica la maschera. Durante il tempo di posa, non fare assolutamente nulla.
Spegni il computer, metti il telefono in modalità aereo, stenditi sul divano.
Chiudi gli occhi, concentrati sul tuo respiro, ascolta i tuoi pensieri o meglio ancora… cerca di non pensare del tutto. Goditi il tempo che stai dedicando a te e a nient’altro.
Trascorso il tempo di posa sciacqua con cura la maschera usando abbondante acqua tiepida, tampona con una salvietta di cotone morbida, applica la tua solita crema idratante.
Guardati allo specchio: occhiaie e rughe ci sono ancora, esattamente identiche a prima. Però, se la maschera ha funzionato, adesso te ne frega un po’ di meno. Prosegui con il trattamento due volte a settimana, finché di occhiaie e rughe non te ne fregherà assolutamente più nulla.

Take any face beauty mask.
Really, just any one, this time I don’t care: masks you find at discounts are fine.
You don’t have a mask at home? No worries! Just blend half a banana with two teaspoons of Greek yogurt and use it.
Apply your mask. While you wait the mask to take effect, do absolutely nothing.
Turn your computer off, put your phone in airplane mode and lay on the couch.
Close your eyes, focus on your breathing, listen to your thoughts or even better… try not to think at all. Enjoy the time you are dedicating to yourself and no one else.
After the right time has passed, rinse the mask off using plenty of warm water, tap dry with a soft cotton towel, apply your usual moisturizing cream.
Look at yourself in the mirror: eye bags and wrinkles are still there, exactly where they were before. But, if your beauty mask worked, you care a little less about it. Go on with the treatment twice a week, until you won’t care about eyebags and wrinkles at all.

***

Impazienti per nuovi consigli di bellezza? SEGUITECI!

Hungry for more beauty tips? STAY TUNED!

Luca

Cosmetic guru

After years on the books and a bit of luck, I succeeded in turning my passion into a job: in fact I am working for a company which produces natural raw materials for cosmetics. "Beauty will save the world", Dostoevskij wrote; and this is what I aspire to do everyday: making the world a better place, beginning with your skin.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

 

Real Fashion, No Sugar

FOLLOW US ON