The 2017 MET Gala honors Comme des Garçons…but no one actually wears it

Il party più grande e il più stiloso dell’anno.
O più semplicemente una festa in costume per persone ricche e popolari.

The biggest and most glamorous party of the year.
Or just a costume party for very rich and popular people.

Sto scherzando (forse…)! Il MET Gala è molto più di questo: ogni anno, il primo lunedì di Maggio, il Costume Institute inaugura la sua esposizione al MET Museum di New York con un gala decisamente esclusivo pieno di VIPs, che hanno in comune i fatto di essere vagamente simpatici ad Anna Wintour (l’editor di Vogue America e il direttore artistico di Condè Nast, che guarda caso è la “”””presidentessa”””” del gala dal 1999).

I’m joking (kind of)! The MET Gala is so much more than that: every year on the first Monday of May the Costume Institute inaugurates its annual exhibition at the MET museum of New York City with an exclusive gala full of A-list celebrities, that have in common the fact of not being a pain in the *** to Anna Wintour (the editor of American Vogue and the artistic director of Condé Nast, who also happens to be the chairwoman of the gala since 1999).

Anna Wintour ha lavorato per trasformare un “semplice” evento di raccolta fondi per il Constume Institute nel party più fashion e più seguito.
Ogni anno i fortunati ospiti vengono invitati ad abbigliarsi in accordo con il tema della mostra, quindi possiamo pensare a questo gala come una lussuosa festa in maschera…i cui biglietti vanno da più di 25.000€ a persona e superano i 250.000€ per un tavolo (altro che DLQ).

Anna Wintour managed to turn a “simple” fundraising event for the Costume Institute into the ultimate fashion party and media event ever.
Every year the lucky guests are encouraged to dress according to the theme of the exhibition, therefore we can easily think about it as a fancy costume party…where tickets cost $30,000 apiece and tables are about $275,000.

Nel 2017 il Constume Institute ha voluto celebrare la iconica designer giapponese Rei Kawakubo, fondatrice della casa Comme des Garçons e praticamente la designer più influente di questo secolo: le sue creazione sono famose in quanto il confine tra fashion ed arte è quantomeno labile (se non impalpabile). Rei è il perfetto esempio di libertà creativa ed è questo a cui noi dovremmo pensare quando parliamo di avant-grade…ma è anche vero che molte delle sue opere sono STRANE.
Dopo Yves Saint Laurent in 1983, Rei Kawakubo è la seconda designer ancora in vita a cui è stata dedicata una mostra al MET, ecco qualche anticipazione…

This year the Costume Institute is celebrating the iconic Japanese designer Rei Kawakubo, founder of the label Comme des Garçons and basically the most influential designer of the 21st century: her designs are famous for crossing the line between fashion and art. She is the epitome of freedom and that’s what avant-garde should mean…but yeah most of her designs fell weird.
After Yves Saint Laurent in 1983, Rei is the second living designer to be given a solo show at the MET, here’s a sneak peek of the exhibition…

…e adesso diamo uno sguardo a Caroline Kennedy, ambasciatrice USA in Giappone, cara amica di Rei Kawakubo e “”””presidentessa”””” onoraria dell’edizione 2017 del MET Gala

…and here is a sneak peek at Caroline Kennedy, US ambassador to Japan, close friend of Rei Kawakubo and an honorary chairwoman of the 2017 MET Gala.

Una bella gatta da pelare il tema del MET Gala 2017. Così impegantivo che praticamente nessuno degli invitati lo ha rispettato. Questo succede quando i grandi designer comprano i biglietti e vestono i loro ospiti come delle pubblicità ambulanti.
Ok, ora preparate due pop corn e andiamo sul red carpet!

What a challenging yet original theme for the MET Gala. So challenging that basically none of the guests actually respected. This happens when major designers buy the tickets and style their guests as walking ads.
Yep, it’s pop corn time: let’s move to the red carpet!

[Ps: l’articolo sarà modelle-free, la nostra MsD si occuperà di loro in un altro succulento post!]

[Ps: this article is top models free, because MsD will take care of them in another juicy post!]

LA REGINA DEL BALLO / THE QUEEN OF THE BALL

Rihanna in Comme des Garçons

Riri ha indossato una creazione di Rei Kawakubo, l’ha fatta sua ed ha stravinto. Dio salvi la Regina!
She wore a Rei Kawakubo’s design, made it her own and slayed the runway. Good bless the queen.

IL RESTANTE 2% DEGLI OSPITI CHE HA PROVATO A RISPETTARE IL TEMA / THE OTHER FIERCE 2% OF THE GUESTS WHO TRIED TO RESPECT THE THEME

Trace Ellis Ross in Comme des Garçons

La prova che CdG può essere facilmante indossabile e perfino chic.
The proof that CdG can be wearable and even chic.

Katy Perry in Maison Margiela by John Galliano

Possiamo pensare a migliaia di meme con questo vestito…ma per una volta non è in ogni angolo di Internet.
We can do thousands of meme about this…but for once she not all over the place.

Priyanka Chopra in custom Ralph Lauren
Solange Knowles in Thom Browne

Cappotti e giubbotti che si trasformano in completi da sera: originali ed interessanti.

Outwear that turns into an evening gown: original and interesting.

FORSE NON PROPRIO AVANT-GRADE…MA LI AMIAMO / NOT SURE THIS IS AVANT-GARDE…BUT WE LOVE IT

Zoe Kravitz in Oscar De La Renta
Blake Lively in Atelier Versace

Due begli abiti, anche se forse troppo convenzionali se pensiamo al tema dell’avant-garde.

Two lovely dresses, maybe too vanilla if we think about avant-garde, but I like them.

ONESTAMENTE MI ASPETTAVO UN DISASTRO / HONESTLY I WAS EXPECTING A DISASTER

Dakota Johnson in GuccI

Ero pronta ad inserire questo look nella prossima categoria, ma dopotutto non è così male.

I was ready to file this look in the next category, but after all is not that bad.

F*****O IL TEMA / F*** THE THEME

Zendaya in Dolce &Gabbana Alta Moda

Voglio dire…quand’è stata l’ultima volta che Dolce & Gabbana è sembrato adeguato al tema del Met Gala?

I mean…when was the last time that Dolce & Gabbana actually fitted into a Met Gala theme?

Kim Kardashian in Diane Von Furstemberg
Jennifer Lopez in Maison Valentino

Jlo omaggia Frozen, mentre Kim celebra la nuova versione non materialistica di sè; le regine del “mettere tutto in mostra” prendono una strada più composta: impressionante.

JLo pays tribute to Frozen, while Kim celebrates her new not materialistic self; the queens of “bare it all” take a more demure path: impressive.

Selena Gomez in Coach

Anche mettendo da parte per un momento il tema del Met Gala, trovo questo look estremamente noioso.

Even forgetting about the theme of the gala, I still find this look incredibly boring.

F*****O IL TEMA_EDIZIONE BOUDOIR / F*** THE THEME_BOUDOIR EDITION

Kylie Jenner in Atelier Versace with the one and only Donatella Versace at her side.

È così raggiante e nessuna indossa un abito come solo lei sa fare. Oh, anche Kylie è ok.

She’s so radiant and no one can rock that dress as she does. Oh, Kylie looks ok too.

COSE CHE INDOSSERESTI SOLO SE PAGATA / THINGS YOU WOULD WEAR ONLY IF WELL PAID

Nicki Minaj in H&M

H&M diventa avant-garde…e sembra una di quelle cose stupide che faresti solo da ubriaco. Ma almeno il tema è stato rispettato: riuscite a scorgere la maschera di Rei Kawakubo sulla cintura? Veramente furbo e originale.

H&M is going avant-garde…and feels like those stupid thing you do when you are drunk. Oh but the theme is respected: can you spot Rei Kawakubo’s mask on her belt? That’s clever and soooo original.

Mary-Kate and Ashley Olsen in…siamo sicuri di volerlo sapere? Mary-Kate and Ashley Olsen in…do we really want to know that? 
Madonna in Moschino

Non provateci a casa.

Don’t try this at home.

Stella

Editor-in-Chief

Well, I guess that everything starts with me and my love for writing and fashion. Creating this project has not been easy, but I am really proud of my little creature; watching how it is developing is quite entertaining and I believe I am not going to stop any sooner.

1 Comment

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Real Fashion, No Sugar

FOLLOW US ON