Beauty Rule #4: Always use a sunscreen

Avere una bella pelle non è difficile, se sai come fare. Basta seguire alcune semplici regole: vediamo quali!

Showing a beautiful skin is not that difficult, if you know how to do it. Just follow some simple rules: let’s see them!

consigli per una bella pelle

4. Usa sempre una protezione solare.

“Prima l’alimentazione sana, poi l’esercizio fisico, poi niente fumo e adesso la protezione solare.
La prossima beauty rule cos’è? Mettiti il golfino? Sembri mia nonna…”

Critica lecita. Tutto vero.
Le nonne hanno buon senso e danno consigli saggi… come me!
Io in più ho anche una bellissima barba, che invece le nonne…

4. Always use a sunscreen.

“First healthy food, than workout, than no cigarettes and now sunscreens.
So what’s the next beauty rule? Put your coat on? You sound exactly like my grandmother…”

True story.
Grandmothers have good sense and give wise advice… just like me!
I also have a super-trendy full beard, that no grandmother…

Come non detto.
Torniamo al nostro argomento: la pelle e il sole.

La risposta immediata della pelle ad un’esposizione prolungata al sole è l’eritema: la pelle è arrossata, calda, dolorante. Nella maggior parte dei casi l’infiammazione si risolve spontaneamente nel giro di un paio di giorni, ma gli strati superficiali della pelle vengono persi sotto forma di squame… addio tintarella!

Se la pelle viene ripetutamente esposta al sole, il risultato è il photoaging:
in parole povere la pelle esposta al sole invecchia più rapidamente. MOLTO più rapidamente.
Non ti fidi della mia parola? Come nel caso dei danni del fumo… lascio parlare le immagini!

Nerver mind.
Let’s get back to the topic: skin and sunlight.

Our skin’s immediate reaction to an extended sunlight’s exposure is called erythema: skin is red, hot, aching. Most of the times inflammation resolves spontaneously in a few day, but the most of the exterior layers of our skin are lost in the form of flakes…then you can kiss your tan goodbye!

If the skin is exposed to the sun over and over again, the result is photoaging:
just to be clear, skin exposed to the sun ages more quickly. MUCH more quickly.

You don’t trust my words, right? As I did for smoking risks... I let the pictures speak!

Se la pelle viene ripetutamente esposta al sole, il risultato è il photoaging: in parole povere la pelle esposta al sole invecchia più rapidamente.

In questa fotografia – comparsa nell’articolo “Facial Aging in Identical Twins” della rivista scientifica “Plastic and Reconstructive Surgery” – vediamo due gemelle. Stessi geni, abitudini diverse: la gemella di destra si espone al sole per circa 10 ore alla settimana più della sorella… e in più è una fumatrice!

“Luca! Ti sei fregato con le tue mani! Magari la differenza è tutta dovuta al fumo…”

Ancora non ti fidi?!? Ottimo: ti mostro gli effetti di una diversa esposizione al sole… sulla stessa persona!

This photograph appeared in the article “Facial Aging in Identical Twins” from the scientific paper “Plastic and Reconstructive Surgery”. Two twins: same genes, different habits. The woman on the right spends in the sun ten hours a week more than her sister… and she’s also a smoker!

“Luca! Blown up by your own bomb! Maybe the difference is all due to the smoke…”

You really don’t trust me, eh?!?
Very well: let me show you the effects of a different exposure to the sun… on the same person!

photoaging

Nella fotografia – comparsa su “The New England Journal of Medicine” – puoi vedere un camionista che, nelle lunghe ore passate alla guida, ha esposto al sole sempre un solo lato del volto. Impressionante, vero?

Nelle immagini leggiamo chiaramente tutti i segni del photoaging, ovvero:
rughe più numerose e profonde intorno agli occhi, alla bocca e sulla fronte;
pelle cadente;
• disomogeneità nella pigmentazione (macchie senili precoci);
vene a ragnatela in evidenza su naso, guance, mento (telangiectasia) ;
pelle rigida e cuoiosa (ipercheratosi);
formazioni pre-cancerose;

In this picture – from “The New England Journal of Medicine” – you can see a truck driver, who has always exposed only one side of his face to sunlight during the long hours he spent driving.
Impressing, isn’t it?

In these pictures we can clearly see all the effects of photoaging, id est:
numerous and deep wrinkles around eyes and mouth and on the forehead;
sagging skin;
• inhomogeneity of pigmentation (early age spots);
spider veins on nose, cheek, chin (telangiectasias);
rigid skin (hyperkeratosis);
precancerous lesions;

“Quindi che facciamo? Per restare eternamente giovani ci trasferiamo tutti a Forks, Alaska?”

Ma no!
La luce del sole ha anche effetti positivi… oltre all’abbronzatura, ovviamente!
• permette la biosintesi della vitamina D, fondamentale per la salute delle ossa.
• è in grado di alleviare patologie cutanee come dermatite seborroica, dermatite atopica e acne.
aumenta i livelli di serotonina, “ormone del buon umore” che riduce lo stress.

L’unica cosa da fare per godere dei benefici del sole senza riportare danni è esporsi in modo intelligente ovvero usare sempre una protezione solare.

“And so, what should we do? Move all together to Forks, Alaska to stay eternally young?”

Absolutely no!
Sunlight has positive effects too…in addition to the tan obviously!
it allows the biosynthesis of vitamin D, fundamental for bone health;
it can heal skin diseases like seborrheic dermatitis, atopic dermatitis and acne;
it increases the levels of serotonin, “good mood hormone” that reduces stress.

The only way to enjoy the benefits of sun without risks is to expose to the sun smartly: always use a sunscreen.

best sunscreen 2017
Nadine Leopold by Hilary Walsh for Glamour France June 2014 issue.

Tuttavia quando dico sempre NON INTENDO PROPRIO SEMPRE.
Conosco make up artist che usano come primer una crema solare protezione 50+… anche in inverno, anche in città, anche di sera! È decisamente troppo: i filtri solari hanno una propria tossicità – anche se bassa – e l’uso eccessivo può influire negativamente sulla salute e sull’aspetto della pelle.
Senza contare che sono molto ma MOLTO inquinanti!

Quello che però devi fare tuo è che se sei all’aria aperta d’estate… non sei mai al sicuro!
Puoi benissimo scottarti anche sotto l’ombrellone: uno studio dell’Università di Valencia apparso sulla rivista “Photochemistry and Photobiology” ha mostrato che l‘ombrellone trattiene solo due terzi della luce solare! Tu pensi di essere all’ombra… ma in realtà sei al sole e devi usare comunque una protezione!

Lo so… oggi tanta teoria e poca pratica! Non preoccuparti: con l’arrivo dell’estate parleremo di come scegliere la protezione solare migliore per le tue esigenze e di come ottenere l’abbronzatura perfetta.
Giusto tre o quattro mesi di pazienza…

However when I say always, I DON’T REALLY MEAN ALWAYS.
I know make up artists that use SPF 50+ creams as primer… also during winter, also in the city, also in the evening! It’s definitely too much: sunscreens are toxic – even if lightly – and a continuous use can badly affect the health and appearance of skin.
Not to mention that they are really REALLY polluting!

You should just keep in mind that whenever you are outside during summer… you’re actually never safe!
You can get a sunburn even under a beach umbrella: a study of the University of Valencia appeared on “Photochemistry and Photobiology” has shown that a beach umbrella holds back only two thirds of sunlight. Therfore even when you think you’re safe… you still need to put a sunscreen on!

I know… lots of theory today! Don’t worry: as summer approaches, we will talk about how to choose the best sunscreen and how to get the perfect tan. Just three or four months of patience…

***

E con questa, siamo a quattro regole su sette! Non essere impaziente: ECCO LA REGOLA #5

And this is four on seven rules! Don’t be impatient: HERE’S RULE #5

Luca

Cosmetic guru

After years on the books and a bit of luck, I succeeded in turning my passion into a job: in fact I am working for a company which produces natural raw materials for cosmetics. "Beauty will save the world", Dostoevskij wrote; and this is what I aspire to do everyday: making the world a better place, beginning with your skin.

Real Fashion, No Sugar

FOLLOW US ON